PokerStrategiaTexas Hold'emTornei

I casi peggiori di starting hands al Texas Hold’em

Tutti i giocatori di poker, anche quelli alle prime armi, sanno benissimo che l’errore più grave che si possa commettere durante un torneo, è quello di callare troppe mani pre-flop. Questo perché buio dopo buio possiamo ritrovarci a metà partita con il nostro stack dimezzato.

Dunque, per ovviare a questo problema, bisogna avere piena coscienza di tutte quelle mani che devono o possono essere viste qui e quelle che vanno necessariamente foldate nel seguente articolo.

Carte basse off-suited

Non ci vuole sicuramente un dottorato per intuire che mani come 8-3 off-suited devono assolutamente essere foldate, per molteplici ragioni: l’8, come carta alta, è troppo debole per competere con gli avversari al flop, poiché anche se uscisse un flop con K-8-J o Q-5-8, avreste sempre un punteggio debole.

Le possibilità di fare scala sono praticamente nulle, visto che non c’è alcuna connessione tra le due carte in mano, ed anche se al board dovessero esserci 6-4-K-7-5 e, dunque, chiudere la scala, essendo per 4/5 tra le carte comuni, è molto probabile che sia complicato camuffare il vostro punteggio.

Stesso discorso vale per il colore: se al board ci fossero 10c, 7c, Kp, 2c Qc, e una delle vostre carte (poniamo il caso l’8) fosse di cuori, ci sarebbero comunque 4/5 di colore tra le carte comuni. Dunque, sarete facilmente riconoscibili, con l’ulteriore beffa di avere una carta non altissima come kicker, battibile dal 9, J, K e A di cuori.

Baby pair

Come espressamente detto nell’articolo “le mani migliori di partenza al Texas Hold’em“, avere una coppia come starting hands dà il vantaggio di partire con un punto già in mano. Il problema, però, è che la pair in questione deve necessariamente essere forte. Questo perché le baby pair causano una situazione di svantaggio in cui, cosa molto probabile, al flop non legherete il set. Ciò significa che se avete deciso di fare call con una baby pair, avrete l’obbligo di foldare nel caso in cui non leghiate il set al flop.

Di base è consigliabile evitare, dunque, di andare al flop con coppia di 5 o coppia di 3, a meno che non siate chipleader o small blind.

Figura + kicker basso

Avere una figura in mano è sempre vantaggioso, ma bisogna prestare attenzione ad entrambe le carte e non soltanto ad una. Ciò significa che, avendo ipoteticamente in mano K-4, il vostro K sarà accompagnato da un kicker troppo basso per cercare di portare il piatto a casa.

Tenete sempre a mente, ed è veramente una cosa fondamentale, che in un torneo di poker possiamo fare nostri i piatti al tavolo non soltanto ottenendo un punteggio migliore dell’avversario, bensì anche ottenendo lo stesso punteggio, ma con un kicker più alto. Ragion per cui è sempre meglio coprirsi la mano con un kicker di una certa caratura.

Ciò dimostra, appunto, quanto la carta che accompagna la nostra figura sia indispensabile per decidere se andare o meno in quella mano. Evitate assolutamente, di conseguenza, figure con kicker inferiore al 5 o al 6, a meno che non siano suited.

Ovvio, che potrebbe succedere di perdere una mano con coppia di K + kicker Q contro una coppia di K + kicker A, in quel caso sarà soltanto sfortuna. In un torneo, la cosa importante, è semplicemente fare la mossa giusta. Con un po’ di fortuna il resto verrà da sé.

I casi peggiori di starting hands al Texas Hold’em
5 (100%) 1 vote
Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *